Parrocchia san Simeone profeta
(Sala di Caserta)



Le NEWS della parrocchia

Notizie, avvenimenti, occasioni e circostanze. Qui troverai le notizie più importanti e gli eventi che hanno caratterizzato la vita della parrocchia San Simeone Profeta in Sala di Caserta.

ANTARES

2008-11-28

L'Azione Cattolica parrocchiale ha organizzato nella mattinata di domenica 28 novembre la festa del CIAO, appuntamento imperdibile dell'anno associativo in cui i ragazzi si ritrovano dopo il periodo estivo e invitano nuovi ragazzi ad unirsi ai gruppi ACR. La festa è durata una intensa mezza giornata, animata dagli educatori ACR con l'aiuto degli stessi ragazzi, co-protagonisti della festa. Gli educatori hanno scelto come ambientazione della festa il centro commerciale, luogo di culto della nostra epoca. In questi ambienti, le famiglie si ritrovano per passeggiare nell'uscita settimanale, sostituendo quella che una volta era il giro per le strade della città o nel parco della reggia. Nel centro commerciale i ragazzi trovano tutto ciò che desiderano e altro ancora: la tecnologia dei cellulari, quella degli immancabili lettori mp3, le console di gioco sempre più spettacolari, le merendine pubblicizzate, gli abiti griffati, i giocattoli hi-tech.
Non sono solo i piccoli, però, ad essere attratti dalle vetrine: spesso capita di visitare un centro commerciale per comprare qualcosa, e occorre girare più negozi per trovare ciò che desideriamo. Ma in questo girovagare siamo attratti da altri oggetti che neppure pensavamo di incontrare, tanto da perdere totalmente di vista l'obiettivo principale. Per questo motivo il centro commerciale è il luogo che meglio di tutti descrive l'uomo del nostro tempo desideroso di possedere qualcosa di nuovo che lo renda più felice ed appagato rispetto alla sua natura insoddisfacente.
Partendo da questo tema, abbiamo chiesto ai ragazzi di acquistare dei prodotti esposti nella riproduzione di un centro commerciale chiamato "Antares" organizzato in parrocchia. Al termine degli acquisti, i ragazzi hanno valutato la loro spesa con gli educatori. La fase finale della festa è stata catartica: i ragazzi hanno compreso il valore effettivo degli oggetti acquistati ed hanno avuto l'opportunità di cambiare gli acquisti effettuati scegliendo l'indispensabile più che il futile.
I ragazzi hanno compiuto un esercizio di essenzialità, puntando a ciò che soddisfa in modo duraturo: hanno imparato a valutare di cosa hanno realmente bisogno; e speriamo che tra le cose essenziali abbiano incluso Cristo.

Indietro