Parrocchia san Simeone profeta
(Sala di Caserta)



Le NEWS della parrocchia

Notizie, avvenimenti, occasioni e circostanze. Qui troverai le notizie più importanti e gli eventi che hanno caratterizzato la vita della parrocchia San Simeone Profeta in Sala di Caserta.

Festeggiamenti in onore di san Simeone profeta

2008-10-09

Il 29 settembre si è aperto il novenario in onore di san Simeone profeta. La festa appena conclusa per san Donato martire ha lasciato spazio a quella in onore del santo partono di Sala. Nella più classica delle tradizioni salesi, il novenario è stato accompagnato dall'immancabile pesca di beneficeza, colma di piccoli e grandi premi offerti dalle persone del paese e dai devoti al santo. In questo clima di festa, venerdì 3 ottobre alcune massaie di Sala hanno preparato gli angiulilli, una pasta di pizza fritta con forma tozza e allungata. I gustosi manicaretti sono stati accompagnati da un contorno di pomodorini o, in alternativa, bagnati dalla Nutella; sono stati immmancabili anche i panini con la porchetta. La serata doveva essere animata dal corpo di ballo Black angels accademy, ma un violento temporale ha annullato i balli di gruppo.
Nonostante il tempo si sia mantenuto incerto anche il giorno successivo, la sera di sabato 4 ottobre, festa di san Francesco d'Assisi (patrono d'Italia), sono scesi in pista tutti gli appassionati di liscio. I meno reattivi, invece, inebriati dai fragranti profumi della brace, hanno gustato i panini con la salsiccia e un contorno tra quelli a scelta. Inoltre, la pasticceria Sweet touch ha offerto i propri prodotti ai partecipanti alla serata.
Il giorno seguente, domenica 5 ottobre, la comunità ha percorso le vie di Sala in processione dietro la statua di san Simeone profeta. Dobbiamo registrare, però, un calo delle presenze sia nei fedeli che seguivano la processione che negli accollatori, coloro che portano sulle loro spalle il peso del santo. E' stato loro lo sforzo maggiore: essendo in pochi, hanno dovuto portare la statua per più volte rispetto al solito, ed era palese a fine processione la stanchezza e la delusione nel trovarsi a ranghi ridotti. Una curiosità ha caratterizzato la processione di quest'anno. A fine processione, infatti, prima di entrare nella chiesa parrochiale, gli accollatori hanno fatto "ballare" la statua di san Simeone, una antica tradizione ripresa e ben accolta dai fedeli presenti all'evento.
Nei successivi tre giorni si è celebrato il triduo in onore di san Simeone profeta. Nelle Sante Messe serali, si sono susseguiti due parroci delle vicine parrocchie, in un clima di fraterna comunione: hanno celebrato la Santa Eucaristia lunedì il parroco don Mimì Vozza della parrocchia san Vincenzo martire in Briano e martedì il parroco don Battista Morelli della parrocchia san Ferdinando Re. Mercoledì 8 ottobre, invece, nel giorno di san Simeone profeta, la Santa Messa è stata celebrata dal Padre Vescovo Raffaele Nogaro. Al termine della celebrazione, uno spettacolo pirotecnico ha concluso la festa, mentre le massaie hanno preparato a sorpresa i panini: dal programma, infatti, non era prevista alcuna attività civile nell'ultimo giorno di festa.

Indietro