Parrocchia san Simeone profeta
(Sala di Caserta)



Le NEWS della parrocchia

Notizie, avvenimenti, occasioni e circostanze. Qui troverai le notizie più importanti e gli eventi che hanno caratterizzato la vita della parrocchia San Simeone Profeta in Sala di Caserta.

Una bandiera sbiadita

2006-12-31

Il 2006 si è aperto con la vittoria del partito di Hamas alle elezioni politiche della Palestina, un avvenimento che ha scombussolato (in peggio) il quadro politico del rovente medio oriente. A febbraio abbiamo gioito insieme per le imprese dei nostri atleti vittoriosi ai giochi invernali di Torino, mentre ad aprile, l’Italia si è divisa in due parti (quasi) uguali al voto delle politiche decretando al vittoria di Prodi e quindi il cambio di governo dopo cinque anni di governo Berlusconi. Indimenticabile è stata la storica vittoria dell’Italia del calcio sulla Francia nella finale del mondiale di Germania, evento che porterà il capitano azzurro Fabio Cannavaro alla vittoria di due prestigiosi riconoscimenti internazionali: il Pallone D’oro e il Fifa World Player. Ma è ancora il medio oriente a far parlare di se: tre gironi dopo la vittoria italiana del campionato del mondo di calcio, il governo israeliano risponde con un’invasione di terra all’attacco del Libano. Il conflitto è fermato dalle forze di pace inviate dall’onu. A settembre mentre a Sala si festeggiava san Donato, in Iran il presidente Ahmadinejad dichiarava l’intenzione del suo paese di iniziare il processo di arricchimento dell’uranio, contro il parere di tutta la comunità internazionale allarmata dalla possibilità che l'Iran costruisca una bomba atomica. Ed infine giungiamo a dicembre, con la morte di due sanguinari dittatori: Pinochet morto in Cile di infarto e Saddam Hussein morto in Iraq impiccato.

Questo anno è il ritratto di un mondo che continua a combattere, partendo all’Iraq e, per non spostarsi troppo, in Palestina e Libano. Ma ci sono anche molte altre guerre che non fanno notizia ma che fanno più vittime. Basti pensare ai paesi: Aceh, Afghanistan, Algeria, Burundi, Cecenia, Colombia, Congo, Costa d'Avorio, Eritrea-Etiopia, Filippine, Haiti, Kashmir, Kurdistan, Liberia, Nepal, Nigeria, Rep. Centrafricana, Somalia, Sri Lanka, Sudan, Uganda, ...

Nonostante non sia evidente, anche il nostro paese continua a combattere: è in prima linea nelle guerre di pace e nelle nostre terre contro la mafia (vedi l’arresto di Provenzano ad aprile). In conclusione, il 2006 è stato un anno dove i colori della bandiera della pace si sono giorno per giorno sempre più sbiaditi.

Indietro